Segnali negativi di breve confermati

Dopo le incertezze della mattina, la seduta odierna ha preso una chiara tendenza negativa a causa sempre del Cina-Usa trade (un accordo a breve pare sempre più improbabile) e di alcune trimestrali non entusiasmanti, Intesa per citarne una.

Vediamo quindi i dati pricipali di Intesa: Net Q1 a 1.05 bn e Nii a 1756 sono stati sopra alle attese, ma le commissioni sotto alle attese e le parole di Messina sullo 'scenario peggiore delle attese per i ricavi' stanno pesando sulla società, che resta secondo i nostri sistemi la miglior banca italiana. Primo supporto importante a 2.20.

Sul FtseMib la tendenza di breve è ritornata negativa e solo un riposizionamento del future oltre quota 21.200, renderà la tendenza di breve nuovamente positiva.

PutCall ratio odierno a quota 1.9

FtseMib Future trading system di breve: short con stop loss sopra quota 21.250, primo target 20.740 ed a seguire 20.600.

Nonostante la tendenza di breve sia ritornata negativa, il quadro di medio periodo resta positivo con importante supporto da non violare a quota 20.400 di Future.

Sull"America attenzione al Vix ritornato in area 20: un'accelerazione al di sopra di questo livello sarebbe un pessimo segnale, simile a quello del febbraio del 2018...ma ne riparleremo a breve in un articolo dedicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *