I Cani di Piazza Affari: in dirittura d’arrivo

I Cani di Piazza Affari: in dirittura d’arrivo

0 141

A una settimana dalla fine del terzo trimestre dell’anno, i risultati del Portafoglio Italia rimangono decisamente positivi. Il Ftse Mib ha superato l’area di 22.200 punti (al close di mercoledì 20 settembre): l’indice delle blue chip italiane porta così il guadagno al +17,12% da inizio anno. Molto meglio, in parte grazie ai dividendi, si stanno comportando i nostri portafogli costruiti con le metodologie di Michael O’Higgins. Il migliore resta il Portafoglio PPP costituito da un solo titolo, che quest’anno è Banco Bpm: il nuovo gruppo, nato dall’aggregazione di Banco Popolare e Bpm, da inizio anno, segna un +43,11 per cento. A seguire il paniere dei “5 dogs” con un +19,81% e quello dei “10 dogs”, +17,59 per cento. FinecoBank è il miglior titolo del portafoglio con un +45,09%, seguito da Banco Bpm, da Intesa SanPaolo (+28,83%) e da Azimut (+21,87%).

I 10 titoli del Portafoglio Italia 2017 – in ordine crescente di prezzo – sono: Unipolsai, Banco Bpm, Intesa Sanpaolo, Unipol, Snam, FinecoBank, Poste Italiane, Generali, Eni e Azimut. Dopo diversi anni, quindi, per la prima volta il Portafoglio è decisamente sbilanciato sul comparto finanziario (banche, assicurazioni e asset management).

portafoglio Italia

 

ClassificaDogs

 

 

 

 

 

Author Image
Analista fondamentale, tecnico e quantitativo, socio Aiaf. Ha lavorato come consulente aziendale fino al 2000, poi presso l’Ufficio Studi del settimanale Borsa & Finanza fino al 2012 realizzando analisi di settori e titoli, redazione di report; analisi intermarket; creazione di modelli quantitativi per asset allocation e stock picking. Nel 2013 ha cofondato il sito FinanzaOperativa.com, di cui cura i portafogli in Etf e in titoli italiani. Collabora con le principali riviste finanziarie italiane (Patrimoni, Advisor, Effe, Milano Finanza) ed è spesso ospite della trasmissione televisiva “Soldi”. È autore di un capitolo del libro “Invest in Europe Now!” di David Kotok e Vincenzo Sciarretta (ed. Wiley & Sons). Esperto di approccio risk parity, cura strategie quantitative di successo costruite con questa metodologia in etf e fondi comuni.

NO COMMENTS

Leave a Reply