News

0 195
È stato un maggio tormentato per le borse, in particolare quella italiana, ma le probabilità statistiche dicono che probabilmente non è finita. I dazi USA imposti all’Europa non aiutano a rasserenare gli animi. Le aspettative sono per una fase di

Si deve essere loggati per vedere questo contenuto. Effettuare Login per accedere. 

0 168

Una settimana decisamente difficile per la Borsa Italiana, bersagliata dalle vendite per le incertezze politiche. Il Ftse Mib scivola così sotto l’area dei 21.800 punti e da inizio anno segna ora un -0,32 per cento. Performance sparse per i nuovi Portafogli Italia 2018, costruiti con le metodologie di Michael O’Higgins. Nel dettaglio il paniere dei “10 dogs” segna un +1,1%,, mentre virano in negativo gli altri due. il Portafoglio PPP costituito da un solo titolo, che quest’anno è Intesa SanPaolo: il primo gruppo bancario italiano da inizio anno è ora in rosso dell’1,91 per cento, mentre quello dei “5 dogs”, è a quota -3,68 per cento.

Poste Italiane rimane il miglior titolo del portafoglio, ma la performance si riduce a un +16,72%, seguito da Eni (+15,14%) e Unipolsai (+4,11%). Tra i peggiori, Snam (- 11,91%) e Terna (-6,46%). I 10 titoli del Portafoglio Italia 2018 – in ordine crescente di prezzo – sono: Unipolsai, Intesa Sanpaolo, Unipol, Snam, Terna, Poste Italiane, Eni, Generali, Azimut e Atlantia. Dopo un 2017 in cui il Portafoglio era decisamente sbilanciato sul comparto finanziario (banche, assicurazioni e asset management), quest’anno la componente utility è tornata a pesare sul paniere con tre titoli.

 

 

 

 

 

 

 

 

0 262

La rubrica il Rosso ed il Nero di Alessandro Fugnoli

 

….

da allora il concetto di esperimento in corpore vili viene utilizzato per distinguere la ricerca asettica (che si fa in laboratorio o attraverso modelli e simulazioni) da quella che si fa sul campo in condizioni caotiche e, soprattutto, sulla pelle delle persone, che a loro volta reagiscono e interagiscono.

Gli economisti amano molto modelli e simulazioni, ma nulla è paragonabile agli esperimenti reali che vengono condotti ogni tanto nel corpo vile (e spesso non così vile, come nel caso di Muret) delle nostre economie e società.

 

Ecco l’articolo completo: rn-Il Rooso e il Nero

 

 

 

 

 

0 270
Seppure con un certo ritardo, la politica monetaria della Fed comincia a far sentire i propri effetti su quella che sembrava un eterna corsa di Wall Street. Per lo S&P500 è di fondamentale importanza il supporto posto a 2.550 punti.

Si deve essere loggati per vedere questo contenuto. Effettuare Login per accedere. 

0 220

Il Ftse Mib si riavvicina all’area di 24.000 punti e da inizio anno segna un rialzo del +8,87 per cento. Bene si stanno comportando anche i nuovi Portafogli Italia 2018, costruiti con le metodologie di Michael O’Higgins. Nel dettaglio il migliore è il Portafoglio PPP costituito da un solo titolo, che quest’anno è Intesa SanPaolo: il primo gruppo bancario italiano da inizio anno segna un +12,35 per cento. A seguire il paniere dei “10 dogs” con un +8,7%, quindi quello dei “5 dogs”, con un +5,33 per cento. Poste Italiane è il miglior titolo del portafoglio con un +23,63%, seguito da Eni (+15,94%) e da Intesa Sanpaolo. In rosso Snam (in calo del 4,2%) e frazionalmente Terna (-0,17%). I 10 titoli del Portafoglio Italia 2018 – in ordine crescente di prezzo – sono: Unipolsai, Intesa Sanpaolo, Unipol, Snam, Terna, Poste Italiane, Eni, Generali, Azimut e Atlantia. Dopo un 2017 in cui il Portafoglio era decisamente sbilanciato sul comparto finanziario (banche, assicurazioni e asset management), quest’anno la componente utility è tornata a pesare sul paniere con tre titoli.

 

 

 

 

 

0 172
Ci capta tra le mani la newsletter di Martin Pring. Occorre conoscenza della lingua Analisi di Pring     imr4_2018

Si deve essere loggati per vedere questo contenuto. Effettuare Login per accedere. 

0 253

by Alessandro Fugnoli

 

Nella seconda metà del 2020 e per tutto il 2021 il mondo non sarà in recessione. Quanto meno, non lo saranno la Cina e tutte le economie che le ruotano intorno. Il primo luglio 2021 cadrà infatti il centesimo anniversario del Partito Comunista Cinese e la sua leadership farà il possibile e anche l’impossibile per presentare ai cinesi e al mondo un paese stabile e fortemente orientato alla crescita. Anche se negli ultimi tempi Xi Jinping ha messo l’accento più sulla qualità che sulla quantità della crescita, possiamo stare certi che, quale che sia l’obiettivo per il Pil del 2021, questo verrà non solo raggiunto ma anche superato.

……

Continuiamo a raccomandare posizioni costruttive ma leggere. Il 2018 è un anno che non ha più un unico vento favorevole e ha invece molte correnti d’aria, favorevoli e sfavorevoli, che continueranno a incrociarsi disordinatamente.

L’articolo completo  rn-20180316

 

 

 

 

 

 

 

 

0 249

Il Ftse Mib si mantiene al di sopra di area 22.500 punti e si conferma in rialzo da inizio anno del +3,94 per cento. Andamento più disperso, invece, per i nuovi Portafogli Italia 2018, costruiti con le metodologie di Michael O’Higgins, che subiscono le vendite su alcuni dei titoli dei panieri. Nel dettaglio il migliore è il Portafoglio PPP costituito da un solo titolo, che quest’anno è Intesa SanPaolo: il primo gruppo bancario italiano da inizio anno segna un +8,95 per cento. A seguire il paniere dei “10 dogs” con un +3,3%, quindi quello dei “5 dogs”, con un +0,52 per cento. Poste Italiane è il miglior titolo del portafoglio con un +16,02%, seguito da Azimut (+12,12%) e da Intesa Sanpaolo. Tre i titoli in rosso, con Snam in calo del 7,1% e Terna del 2,85 per cento. I 10 titoli del Portafoglio Italia 2018 – in ordine crescente di prezzo – sono: Unipolsai, Intesa Sanpaolo, Unipol, Snam, Terna, Poste Italiane, Eni, Generali, Azimut e Atlantia. Dopo un 2017 in cui il Portafoglio era decisamente sbilanciato sul comparto finanziario (banche, assicurazioni e asset management), quest’anno la componente utility è tornata a pesare sul paniere con tre titoli.